domenica 27 settembre 2020 | Roma | Meteo
 

» Calciolaziale > Prima Categoria > Obiettivo su

GIR. E: Sporting Tivoli - Real Tuscolano 3-2


articolo del 9/10/2011



Campionato 1^ categoria, Girone E

2^ giornata

Tivoli, “campo Ripoli” - 9 ottobre 2011

 

Sporting Tivoli - Real Tuscolano 3-2 (2-1)

 

SPORTING TIVOLI: Bruni, Alfani, Deli (42’ st Lucci), Mozzetta, Rocchi L., Fabiani, De Santis, Rocchi P.(5’ pt Rosa), Magrini, Liberatori (36’ st Kolziu), De Luca. A disp.: Grossi, Pontani, Pichetti. All. Cerini A..

 

REAL TUSCOLANO: Verrecchia, Salvatore, Giannini, Di Marco, Parisse (29’ st Giovannangelo), Magretti, Capasso (6’ st Macchioni), Liviero, Persiano (27’ st Stella), De Lorenzo M., Iavarone, A disp.: Egizi, Diana, D’Antimi, Mammarella. All. De Lorenzo N..

MARCATORI: 8' pt De Luca (S), 15’ pt De Lorenzo M. (R), 32’ pt Liberatori (S), 3’ st De Lorenzo M. (R), 24’ st De Santis (S) rig.

ARBITRO: Arbeni di Albano Laziale

AMMONITI: Mozzetta (S), Parisse, Capasso, Verrecchia, Salvatore (R).

NOTE: angoli 3 - 3; recuperi 2’ e 4’.

 

Se il buon giorno si vede dal mattino per lo Sporting Tivoli si intravede una gran bella giornata di sole. È questo il pensiero della dirigenza tiburtina dopo aver saggiato le gesta nei primi 180’ della rinnovata compagine tiburtina. Il nuovo allenatore Antonio Cerini ha improntato una squadra impeccabile da tutti i punti di vista, nella gara contro il Real Tuscolano si è intravista la sua grande forza, nonostante il fulmineo infortunio a Rocchi P. che poteva rovinare i piani iniziali e qualche sbavatura difensiva. Ma la squadra ha sfoggiato dall’inizio una grande personalità, coadiuvata da uno spirito di sacrificio notevole, Magrini, De Luca e De Santis, su tutti. Già in apertura su punizione tagliata di De Santis è De Luca di testa a insaccare il primo vantaggio tiburtino (8’), ma dopo diverse azioni d’attacco che hanno visto capitan Liberatori, deliziare il nutrito pubblico con tocchi d’alta scuola, sulla prima vera azione d’attacco il Real raggiunge il pareggio (15’) con De Lorenzo, dopo una bella azione tutta di prima, con Deli leggermente preso alla sprovvista. Lo Sporting non si preoccupa più di tanto e continua sulla propria strada continuando a manovrare di rimessa, sfruttando soprattutto le qualità tecniche dei suoi, infatti da uno scambio a limite area Liberatori-Magrini nasce il raddoppio tiburtino (32’). Nel finale del tempo i romani stringono d’assedio i tiburtini, ma Bruni è attento e bravo a salvare in angolo.

Nella ripresa lo Sporting, consapevole delle proprie forze,  rientra in campo un po’ troppo rilassato, tanto da regalare a De Lorenzo l’opportunità del pareggio (48’), Rocchi Luca pensava di essere solo nel retropassaggio al portiere. Ma nonostante il nuovo pareggio i ragazzi di mister Cerini, non si scoraggiano, proseguendo la gara senza dannarsi più di tanto del dono agli avversari. Lo Sporting stringe d’assedio gli avversari e dopo una serie di occasioni, clamoroso il salvataggio sulla linea su colpo di testa di Rocchi (64’) ed il palo di De Santis su bordata dalla destra con leggera deviazione di Verrecchia (66’), arriva la definitiva svolta alla gara. De Luca in anticipo a centro area viene falciato da tergo, per il direttore di gara non ci sono dubbi: è calcio di rigore. De Santis si incarica di battere dagli 11 metri, realizzando la rete (69’) del definitivo vantaggio con un preciso destro a fil di palo. Il Real Tuscolano tenta con un paio di cambi di dare una scossa alla gara ma i tiburtini sono attenti, il pressing alto unitamente ad una difesa puntuale non permette quasi mai agli avversari di rendersi pericolosi. Se lo Sporting saprà tenere i piedi per terra, continuando a mantenere questo livello di concentrazione ed umiltà, unitamente all’alto tasso tecnico, per gli avversari sarà davvero dura. I romani sono sembrati meritevoli di apprezzamento sul piano agonistico, c’è da lavorare sul piano tecnico, da bandire le fastidiose, continue e sterili urla del mister: inutili!

Anbel

Per poter commentare la notizia devi effettuare la login a Calciolaziale.com
Login | Registrati

  12/10/2011 - 22:57

anbel

Vabbè vogliamo farne un libro di questa questione, non sono un professionista le porgo il fianco per una battuta...ma semplicemente un amante del calcio dilettantistico. Mi piace commentare gli incontri a cui assisto e di certo non sono imparziale, se seguo tutte le domeniche solo e soltanto lo Sporting Tivoli. Domenica scorsa le garantisco che Mister De Lorenzo ha dettato le sue colorite disposizioni in maniera a me fastidiosa, punto. E pertanto nè ho colto spunto per chiudere l'articolo, dandogli un tono di colore. Non volevo nè offenderlo nè tantomeno levargli il mestiere di allenatore. Al ritorno gli chiederò scusa visto che ho avuto anche modo di confrontarmi sul nostro sito www.sportngtivoli.it. Buon campionato a tutti e viva il calcio dilettantistico!

  11/10/2011 - 23:12


visto che lei è così formale le do anche io del lei e la voglio far rendere conto della cosa che più di altre nel suo articolo ha suscitatoin me fastidio. Il riferimento è alla frase finale del suo articolo, quella riguardante il mister. Vede chi vuol fare il mestiere del giornalista o si pone in atto come tale, deve raccontare i fatti con distacco e imparzialita. Quindi che lei giudichi una persona e il suo operato non è molto signorile...a meno che lei non abbia modo di spiegarci le lacune tecniche della squadra motivandole in modo esaustivo dal punto di vista del gesto tecnico e non ci spieghi il perchè le urla del tecnico ai SUOI GIOCATORI lei le ritenga sterili e inutili. Peraltro porsi in modo formale e poi giudicare non mi pare professionale da parte di chi come lei, da professionista cerca di impostare l'articolo e il rapporto con i suoi lettori. Saluti

  10/10/2011 - 23:44

anbel

Grazie per aver letto il mio articolo, che evidentemente esprime il mio punto di vista, che per quanto di parte ha dato una visione più che oggettiva della gara. L'arbitro non ha certo influito sul risultato, che sulla base della mole di gioco espressa dalle due squadre doveva essere di gran lunga più favorevole alla compagine tiburtina. Il salvataggio sulla linea ed il palo ne sono la controprova. Saluti P.S. Il mio acronimo che utilizzo da svariati anni mi serve solo per non confondermi con i miei tanti omonimi. Saluti

  10/10/2011 - 13:33

manuel7

QUI DA BANDIRE CI SARESTI SOLO TU CHE HAI SCRITTO L'ARTICOLO E PROBABILMENTE SEI DI PARTE DEVO PENSARE.....URLARE CON L'ARBITRO CHE HA FATTO QUEL CHE HA FATTO ERA NORMALE MA HO LETTO CHE NELL'ARTICOLO HAI OMESSO SOLO QUELLO CHE VOLEVI E CIO' SI DIMOSTRA DAL FATTO CHE NON SEI NEMMENO ABBASTANZA FORTE DA FIRMARE I TUOI ARTICOLI CON NOME E COGNOME MA SOLO CON PSEUDONIMI AMBIGUI...